email_0

CIRCOLARE CAMERALE

Con riferimento all’obbligo, sia per le società che per le ditte individuali, di iscrivere nel registro delle imprese il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (p.e.c.), la informo che il Ministero dello sviluppo economico, con lettera circolare prot. 77684 del 9 maggio 2014, con lettera circolare prot. 99508 del 23 maggio 2014 e con circolare n. 3670/C del 23 giugno 2014, ha evidenziato che, in seguito al mutamento del quadro normativo, le nuove norme ammettono solo l’iscrizione di un indirizzo p.e.c. univocamente ed esclusivamente riferibile all’impresa stessa (sia societaria che individuale).

Tra gli interventi legislativi che hanno portato alla precisazione ministeriale è da evidenziare il decreto legge 179/2012 con cui, all’art. 5, viene introdotto il nuovo art. 6 bis al decreto legislativo 82/2005 (Codice dell’amministrazione digitale) che prevede l’istituzione dell’Indice nazionale degli indirizzi p.e.c. delle imprese e dei professionisti (INI-PEC) .
L’INI-PEC, tenuto dal Ministero dello sviluppo economico e la cui consultazione è gratuita e aperta a tutti i cittadini, nasce con l’obiettivo di favorire lo scambio con modalità telematica tra imprese, professionisti e pubblica amministrazione di istanze, dati, dichiarazioni informazioni e documenti. Tale indice è realizzato a partire dagli indirizzi p.e.c. iscritti nel registro delle imprese e costituiti presso gli ordini o collegi professionali. L’elenco, inoltre, è utilizzabile anche ai fini della notificazione e comunicazione degli atti in materia civile, penale, amministrativa e stragiudiziale.
Risulta, quindi, chiara la necessità di iscrivere nel registro indirizzi p.e.c. che rispondano pienamente ai principi sopra illustrati.
Il mutato quadro normativo richiede pertanto alle imprese la tempestiva regolarizzazione degli indirizzi di p.e.c. già iscritti che non siano univoci ed esclusivi e obbliga il registro delle imprese a una attenta verifica del rispetto delle nuove previsioni normative, soprattutto in occasione della presentazione di nuove istanze.

Immagine

INI PEC